Swiss ElectroBiology: lavori già in un ambiente bionomico?

Un ambiente lavorativo a bassissime emissioni, energeticamente pulito ed estremamente equilibrato migliora lo stato di salute dei propri dipendenti ed è fondamentale per il buon andamento di qualsiasi azienda. Ce ne parla l’ingegner Roberto Wettstein, titolare di Swiss ElectroBiology Sagl.

Ingegner Roberto Wettstein, titolare di Swiss ElectroBiology Sagl

Vivere in un ambiente sano, anche lavorativo dove spesso si trascorre la maggior parte della propria giornata. Ing. Wettstein, ci spiega come è nata l’intuizione per un servizio tanto importante per la salute?
Le problematiche ambientali sono note già dagli anni 80 con il Sick Building Sindrome (SBS) ovvero sindrome dell’edificio malato. Negli ultimi decenni sono emerse ulteriori intolleranze ambientali e sono sempre più diffuse (vedi IEI-EMF, ES/EHS, MCS, ecc). Trascorriamo mediamente oltre l’80% del nostro tempo in ambienti indoor, tendenza al rialzo con l’avvento del telelavoro e smartworking. Tecnologie in aumento sul luogo di lavoro e anche a casa, congestionano in modo sempre più costante ed importante il nostro ambiente lavorativo e famigliare. Tutto questo “caos tecnologico” crea disordine anche a livello biologico e col tempo i primi sintomi possono manifestarsi. Sempre più contaminate la qualità dell’aria e dell’acqua, possono col tempo peggiorare il nostro stato di salute, senza che ce ne rendiamo conto.

Tutto questo si può migliorare, come?
Vi racconto brevemente la mia storia. I miei primi passi verso la bionomica sono iniziati una decina di anni fa per caso, a quel tempo soffrivo di tinnitus, un sibilo costante mi impediva di prendere sonno; impossibile dormire in casa propria, notti insonne, esaurimento, malesseri, ecc. Per i dottori ero sano, analisi del sangue e tutti i parametri erano “normali”, ma senza apparente causa. Unica risposta…stress. Dovevo trovare le cause del mio improvviso e crescente malessere. Grazie alle solide basi nel campo dell’Ingegneria Elettrotecnica e agli Studi di Bionomica iniziati a suo tempo, riuscii a combinare strategie diverse e risolvere col tempo le mie problematiche di salute. Come ho poi scoperto le stesse furono causate da intossicazioni ambientali in alta frequenza e forti geopatie.

Cosa fare? Come uscirne?
E stato un processo lento e molto faticoso, ma necessario. Per capire le cause del nostro malessere dobbiamo analizzare molti parametri contemporaneamente, capire come interagiscono tra di loro, quale impatto finale hanno sull’Ambiente e non da ultimo sul singolo individuo. Questa in sintesi è la bionomica, la profonda conoscenza delle Leggi (nomos) vitali (bio) e il loro impatto sull’essere umano. Nel mio specifico caso, ho eseguito un rilievo bionomico della mia postazione di lavoro e della mia abitazione. Dati alla mano sono poi riuscito a identificare e migliorare progressivamente i vari fattori inquinanti quali elettrosmog e geopatie presenti; per raggiungere un equilibrio vitale minimo.
Progressivamente ho trattato la qualità vitale dell’acqua e poi dell’aria e curato la mia alimentazione. Questo processo è durato quasi 2 anni.

Quali sono i vostri principali campi di attività ed è economicamente un servizio accessibile a tutti?
Ci occupiamo di salute e benessere ambientale per aziende, privati ed enti pubblici. Le principali attività sono i rilievi e i trattamenti bionomici ambientali. Inoltre, per i nuovi edifici, progettiamo impianti a bassissime emissioni con elevati Standard Bionomici (Norme di riferimento SBM 2015). Per le PMI i nostri servizi sono facilmente accessibili, il rilievo professionale bionomico dell’ambiente lavorativo parte da CHF 2’000.–. I successivi trattamenti vengono eseguiti in modo modulare a distanza di 3-6 mesi secondo priorità e in accordo con il cliente. Risulta fondamentale la tempistica iniziale. Prima veniamo interpellati, migliore sarà il risultato che potremo raggiungere e minori saranno i costi d’intervento.

Swiss ElectroBiology Sagl
Via Ronco Nuovo 11A
6949 Comano
Tel. +41 91 225 21 24
info@elettrobiologia.com
www.elettrobiologia.com

Condividi su:

Iscriviti alla newsletter