Energia femminile per difendere il pianeta

Associazione Zenzero sviluppa progetti di salvaguardia dell’ambiente nel settore del riciclo della plastica e dell’agricoltura sostenibile in Africa, mettendo al centro il ruolo della donna come promotrice di benessere per le comunità locali. Questo significa fare autentica impresa sociale.

“Viviamo tutti sotto lo stesso cielo e siamo accolti dalla medesima Casa Madre Terra, a cui dobbiamo portare rispetto”, questo è l’incipit con cui Jane Lepori, Presidente di Associazione Zenzero, traccia la rotta dei progetti e delle iniziative dell’organizzazione non profit ticinese nata nel 2015 a Lugano. Tutto iniziò dopo un viaggio in Etiopia: la situazione ambientale nel Paese era disastrosa, le strade erano letteralmente invase dalla plastica, interi villaggi si reggevano sopra colline di bottiglie di plastica. Bisognava fare qualcosa e fu fondata Associazione Zenzero.

In sei anni di presenza e di progetti si possono contare: tre centri di raccolta e di riciclo della plastica in Etiopia, uno in Uganda e uno in Ghana, che garantiscono lavoro a 180 donne regolarmente assunte e a migliaia di raccoglitori informali. Un indotto incredibile che permette di raccogliere tonnellate di plastica ogni mese da avviare al riciclo, ripulendo così intere città, fiumi e laghi. Al contempo, si viene a creare un sistema economico significativo per il territorio, a partire dalle famiglie delle donne lavoratrici fino alle comunità di prossimità. Tutto all’insegna della sostenibilità sociale, ambientale ed economica. Il “Modello Zenzero” assicura, infatti, l’autonomia nel tempo, grazie al processo gestionale ideato, e un rilevante impatto, per il coinvolgimento esclusivo di personale locale.

Progetti che diventano concreti grazie alla generosità dei donatori privati ma anche, e soprattutto, all’adesione delle aziende partner che comprendono l’importanza di una sinergia vera tra il mondo profit e il non profit, così da costruire percorsi di Corporate Social Responsibility efficaci ed efficienti. Dalla lotta all’inquinamento da plastica, Associazione Zenzero sviluppa anche progetti di agricoltura sostenibile, riconoscendo l’importanza dell’accessibilità al cibo da parte delle comunità locali africane. Significa fornire competenze e strumenti per coltivare la terra, destinando i raccolti ai mercati sul territorio con un prezzo equo, affinché tutti possano averne diritto. La prima farm è presente in Senegal, mantenendo sempre al centro l’occupazione femminile.

Dall’Africa al Ticino il passo è breve. Perché Associazione Zenzero si fa prossima anche con l’attività di spesa solidale per le famiglie e gli anziani soli del territorio. Da aprile 2020 si sta impegnando per donare generi alimentari e prodotti per l’igiene alle persone fortemente colpite dalla crisi sanitaria e che hanno visto acuirsi le loro condizioni di fragilità. Ogni mese i volontari dell’associazione fanno la spesa e la portano nelle case di tante realtà in difficoltà, arricchendo il valore del sacchetto con un sorriso e una parola di conforto.

“Sappiamo che tutto non si può cambiare in un attimo ma siamo anche consapevoli che, goccia dopo goccia, grazie al sostegno di persone e aziende che credono nella nostra buona causa, possiamo lasciare un pianeta migliore alle future generazioni”, afferma Jane Lepori. “Fermarsi a guardare è l’atteggiamento sbagliato: ognuno di noi ha l’energia per far parte di un cambiamento etico e sostenibile.”

Per conoscere Associazione Zenzero e sostenere i suoi progetti:

Associazione Zenzero
Via Calprino 18, 6900 Paradiso
Tel. +41 91 9852750
info@associazionezenzero.com
www.associazionezenzero.com

CCP: 69-401882-6
IBAN: CH6609000000694018826

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter