Consigli preziosi per un trasloco privo di stress

Il trasloco è sempre anche un nuovo inizio. Eccovi vari consigli che semplificheranno il trasloco nella nuova abitazione.

Chi dorme non piglia pesci: pianificare bene il trasloco | Immaginatevi che l’automobile da trasloco sta già aspettando davanti alla porta mentre nell’appartamento ci sono ancora moltissime cassette da trasloco aperte e i bambini e il gatto scorrazzano in giro selvaggiamente. E si fa in fretta a perdere la calma. Per evitare che tutto ciò si verifichi l’unica soluzione è pianificare bene il trasloco. Organizzate per tempo una ditta di traslochi. ditta di trasporti. Fatevi fare dei preventivi ed esaminateli bene: alcune ditte poco serie attirano con offerte a basso prezzo, ma quando riceverete la fattura finale la sorpresa sarà spiacevole. Procuratevi una quantità sufficiente di cartoni da trasloco delle stesse dimensioni, che possano essere impilate bene. Per 3 locali vi servono circa 40 cassette, ovvero mezza cassetta per metro quadrato. Annunciate per tempo il trasloco in comune, all’assicurazione e al gestore di Internet e comunicate il nuovo indirizzo alla posta. Decidete anche se volete effettuare personalmente i lavori di pulizia finale o se affidarli a una ditta specializzata. In caso di trasloco all’interno della regione avete inoltre diritto a un giorno di libero pagato, a meno che non siate impiegati a ore.

Prima sgomberare la casa, poi traslocare | Da quanto tempo non siete più andati in solaio, avete fatto ordine e lo avete sgomberato nel vero senso della parola? Cogliete l’opportunità è buttate via tutto quello che non avete più usato da molto tempo e mettete il resto nelle scatole da trasloco. Riflettete: quando è l’ultima volta che avete riordinato e sgomberato il solaio nel vero senso della parola? Approfittatene per gettare tutti gli oggetti che non usate più da molto tempo e mettete le altre cose nelle cassette per il trasloco. Chiedetevi: cosa posso portare nella nuova abitazione e dove? Non sgomberate solo i garage ma anche gli armadi dei vestiti, il soggiorno e la camera da lett. Buttate via il vecchio maglione sfilacciato, il brutto vaso screpolato e i libri di scuola elementare ingialliti. Anche se all’inizio può essere difficile, sarete contenti di esservi liberati da un peso e inoltre avrete meno cose da traslocare.

Impacchettare bene: cosa, quando, come? | Non sottovalutate il dispendio di tempo richiesto dall’impacchettatura. Dopotutto volete ritrovare tutto e non ritrovarvi a terminare i lavori di impacchettatura il giorno del trasloco. Bisogna calcolare un giorno di lavoro per ogni locale. Quindi dovete immagazzinare tutti gli oggetti che non servono nel quotidiano. Avvolgete gli oggetti di vetro e le stoviglie in carta da cucina e in carta di seta, così non dovrete più pulirli dopo il trasloco. Le cassette non devono essere troppo pesanti. Devono pesare al massimo 10-15 kg. Gli oggetti pesanti vanno inseriti in basso e quelli leggeri in alto. Scrivete su vari lati delle cassette cosa contengono e par quali locali sono destinate. Attribuite inoltre alle cassette delle priorità per la sballatura nella nuova abitazione: da „spacchettare subito– 1“ per lo spazzolino da denti e simili a „spacchettare non appena possibile– 2“ per gli accessori per la cucina, fino a „può aspettare – 3“ per gli oggetti di decorazione, i libri e i vestiti per l’inverno, o „rimane nella cassetta – 4“ per i vecchi giocattoli, etc. Conservate qualche cassetta da trasloco per un emergenza, vi farà risparmiare tempo e nervi, nel qual caso una cassetta dovesse rompersi.

A cosa dovete ancora pensare nel trasloco | Occupatevi per tempo le riparazioni necessarie che devono essere eseguite prima della consegna dell’abitazione. Non dimenticate di consumare gli alimenti e non traslocate alimenti già aperti. Durante il trasloco pensate alle altre persone e ai coinquilini: affidando i bambini e gli animali domestici a qualcuno risparmierete loro lo stress del trasloco. E un ultimo consiglio ma non meno importante. Rifornite il team di trasloco con bibite e snack, in modo che possano rimanere in forze il più a lungo possibile per il trasloco!

di Séverine Wolfensberger, homegate.ch

Altri consigli su casa e tempo libero su blog.homegate.ch/it

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Iscriviti alla newsletter