Aziende
News da Milano: l’abitare diventa di lusso
News da Milano: l’abitare diventa di lusso

di Marianne Kohler, redattrice del portale immobiliare homegate.ch | 

Il soggiorno ritorna a essere un salotto bene, brilla – o perlomeno brillano i mobili che lo arredano – e la parola d’ordine è «raffinatezza». All’edizione di quest’anno del Salone del mobile di Milano, i protagonisti sono stati l’eleganza, il glamour, la sensualità e un pizzico di sfarzo. Scopra, con questi nuovissimi esempi, lo straordinario effetto chic che ne scaturisce e quali sono le novità più interessanti.

Riflessi di luce e oro | Al Salone del mobile che ogni anno in aprile si svolge a Milano si incontrano gli operatori di tutto il settore dell’arredamento, del design e dell’architettura. Si tratta dell’appuntamento più importante sul tema dell’abitare, durante il quale vengono presentate tutte le novità. E Milano non sarebbe Milano se tutto questo non venisse organizzato ai massimi livelli. Il sobrio Scandinavian Chic, che tanto ha fatto tendenza, lascia il posto all’eleganza, al glamour e persino a un pizzico di sfarzo. L’understatement nordico, in effetti, non è cosa per gli italiani. Qui è lo stile a essere messo in primo piano e non si ha paura di dimostrare che se ne possiede veramente. Poiché, nonostante i mobili nuovi luccichino e gli arredi strizzino l’occhio al lusso, sono le linee pulite e le forme moderne a conferire il tono all’ambiente. Un bell’esempio è il tavolo Boboli, progettato da Rhodolfo Dordoni per Cassina partendo dal modello originale del 2007, che qui è mostrato con i piedi in cromo dorati e le sedie Tulu LG di Kazuhide Takahama.

Un piccolo gioiello | Un piccolo ma luminoso complemento d’arredo che ha fatto il suo debutto al Salone del mobile è il tavolino Pli, progettato dalla designer francese Victoria Lamotte per Classicon. A caratterizzarlo sono pieghe e plissettature che fanno brillare l’interessante trattamento superficiale dell’acciaio legato, con cui il tavolo è realizzato, producendone infiniti riflessi cangianti. Come un piccolo gioiello, questo tavolino abbellisce l’arredamento e costituisce ovviamente il complemento ideale per una poltrona raffinata. Qui l’abbinamento è con un classico della collezione Classicon, nello specifico la Bibendum Chair di Eileen Grey.

L’Eden del futuro | Oltre a molta «haute couture», ci sono anche le collezioni prêt à porter, fra cui la collezione Home del label di moda Diesel. Si tratta di una delle poche collezioni di moda che funzionano davvero. Praticamente tutti i disegnatori di moda tentano il passo anche nel campo dell’abitare, tuttavia spesso il design risulta molto “alla moda” e troppo decorativo. Non è il caso di Diesel, e questo grazie alla collaborazione con aziende affermate come Moroso. Il divano con schienale alto è rivestito con un tessuto ricco, che raffigura un giardino dell’Eden in cui passato e futuro si intrecciano nel vero senso della parola: razzi sfrecciano tra giungla e antiche rovine attraversate da serpeggianti catene d’oro.

Il nuovo divano componibile | Sì, ha letto bene, il divano componibile è tornato. È un’eredità degli informali anni Settanta, il decennio che ha segnato la vera e propria scoperta del tempo libero e del relax. Questo divano componibile si chiama Lofoten e ricorda piuttosto gli anni Cinquanta, non da ultimo per la grande fioriera abbinata. Si tratta di un progetto di Luca Nichetto per Casamania. Componibile in molte varianti e dotato di pannelli posteriori, questo divano trova posto anche in ambienti commerciali che, peraltro, stanno diventando un settore sempre più importante per i produttori di mobili.

Home Sweet Home | Estremamente confortevole e con uno stile ispirato agli anni Cinquanta: così si presentava la Casa Vitra, che Vitra ha allestito nel cuore di Milano. A completare l’arredamento c’erano tutti gli oggetti tanto amati dalle nostre nonne: piante da interno, velluto, copritavoli, cuscini e tanto calore – il tutto, naturalmente, abbinato ai classici disegnati dalla celebre azienda.

Lampade in cristallo, ma di plastica | Quando la raffinatezza ritorna «d’obbligo», la lampada di cristallo segue a ruota. L’azienda italiana Kartell la propone tuttavia in una variante molto “democratica”, leggera e infrangibile, nella forma della lampada Kabuki. Realizzata in plastica, è firmata Ferrucchio Laviani.

Disegni tinta unita e mix | Il mix di stili vecchio e nuovo, di oggetti classici e design moderni è importante e viene celebrato praticamente da tutti i fabbricanti di mobili. Vecchie icone di design vengono rivisitate o acquistano una nuova veste – un bell’esempio è la poltrona Utrecht di Geriet Rietveld, prodotta nel 1935 da Cassina e oggi rivestita con un nuovo tessuto dal disegno geometrico di Bertjan Pot. La figura mostra anche il nuovissimo divano Vorlage EX-S Philippe Starck per Cassina.

Nuova Art Deco | Il giocoso accostamento di vecchio e nuovo, di passato e futuro emerge anche nella nuova chaise longue Pipe progettata da Sebastian Herkner per Moroso. Questo oggetto esprime il nuovo amore per le forme tondeggianti, combina morbidezza e tubolari in acciaio e aspira un po’ anche all’epoca elegante dell’Art Deco.

Icona svizzera | Ovviamente, a Milano non mancavano nemmeno gli svizzeri. La libreria modulare classica USM si presenta con un nuovo stile confortevole, elegante, esattamente come l’icona di design che incorpora.

Cuscini da coccolare | Con l’industrializzazione, i tubolari d’acciaio sono diventati un componente importante della progettazione dell’arredamento. Un componente che sta vivendo una nuova popolarità e che flirta abilmente con il suo opposto, la morbidezza. Uno splendido esempio è il divano Triclinium progettato da Front Design per Moroso.

La Ferrari come giocattolo di design | Per concludere, una bella notizia per i più piccoli: «Bambini, d’ora in avanti avrete a disposizione una Ferrari per giocare, e se i vostri genitori vogliono che stiate più a contatto con la natura e la vita di campagna, potete scegliere un trattore!». L’azienda Kartell, che realizza mobili e accessori d’arredo in plastica, offre da oggi anche una collezione per bambini – che ovviamente comprende anche un’auto da corsa!

Altri consigli su casa e tempo libero su blog.homegate.ch/it

News da Milano: l’abitare diventa di lusso News da Milano: l’abitare diventa di lusso News da Milano: l’abitare diventa di lusso News da Milano: l’abitare diventa di lusso News da Milano: l’abitare diventa di lusso
Torna indietro
Iscriviti alla newsletter